Fatturazione elettronica e firma digitale: strumenti utili e che ti faranno risparmiare tempo e soldi


FATTURAZIONE ELETTRONICA


Lo sappiamo cosa stai pensando sull’introduzione della fatturazione elettronica e di tutte le altre innovazioni tecnologiche degli ultimi anni!

Che enorme ed inutile spreco di soldi…e tutto questo solo ed esclusivamente per essere compliant ad alcune regole imposte da non si sa chi”.

Ecco, dopo averti fatto sorridere per aver beccato in pieno il pensiero che ti frullava per la testa, adesso proviamo a spiegarti perché devi guardare all’introduzione di questi cambiamenti con grande fiducia e, soprattutto, buon occhio!

Perché? Semplicemente perché risparmierai tempo e denaro, oltre ad essere ancora più tutelato dal punto di vista della sicurezza, che di questi tempi di certo male non fa! 

Fatturazione Elettronica, dal 2019 l’obbligo sarà per tutti

 Anche se in Italia è già operativa dal 2014, seppur solo nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, dal 2019 sarà obbligatoria per tutti. O quasi.

Ma procediamo con ordine.

A questo punto, la prima domanda è d’obbligo: cos’è la fattura elettronica?

Senza girarci troppo intorno, è un file digitale in formato XML che sostituisce il documento cartaceo. 
Ciò che caratterizza questo file è appunto la certificazione, utile a garantirne l'origine e l'integrità per il periodo di conservazione previsto dalla legge, fissato in 10 anni.

Come ti dicevamo prima, non si tratta di una spesa fine a se stessa!

Oltre alla certificazione, di per sé fondamentale, i benefici della fatturazione elettronica sono anche altri e interessano la semplificazione della parte burocratica legata a controlli e dichiarazioni fiscali.

Adesso ti chiederai, “ma come fa lo Stato ad essere così sicuro con la fatturazione elettronica?”.

Domanda sacrosanta, la cui risposta è altrettanto semplice: poiché ogni singola fattura passerà attraverso un sistema statale denominato SDI (Sistema Di Interscambio), che ne certificherà l’originalità, tutto sarà più sicuro e tutelato.

Prima ti abbiamo detto che dal 2019 sarà obbligatoria per “quasi tutti”.

In effetti, qualcuno che sarà esonerato dalla fatturazione elettronica (attiva) ci sarà.

E questi saranno i soggetti di minori dimensioni e i regimi forfettari; tuttavia, dovranno comunque gestire la fatturazione elettronica passiva, ossia quella in ricezione.

 Altra domanda che potresti farti è la seguente:“Come si emette una fattura a privati che sono sprovvisti di partita iva?”.

Questa sarà inviata allo Stato con un codice particolare e con la semplice indicazione del codice fiscale del destinatario. Solo ed esclusivamente in questo caso, il documento andrà consegnato anche in formato cartaceo al proprio cliente.

FIRMA DIGITALE


 Lo sappiamo, non fare finta di niente: anche per quanto riguarda la firma digitale i tuoi pensieri sono identici a quelli di poco più sopra… “Solo uno spreco di soldi!”.

E invece, proprio come per la fatturazione elettronica, è esattamente l’opposto!

La firma elettronica serve semplicemente a farti risparmiare tempo e denaro… solo per farti un’idea, immagina tutta la carta che risparmierai tramite il suo utilizzo o il non doverti recare fisicamente in un ufficio per una sola firma.

Proprio come per la fatturazione elettronica, anche per la firma digitale la peculiarità principale è l’autenticità, che appunto ne garantisce la sua sicurezza e il valore autografo.

Quanto si può risparmiare con la firma elettronica?

Dalle stime di un recente studio, per produrre un documento ufficiale cartaceo, tra spese varie si spendono circa 13 euro.

E si sta parlando di un solo documento ufficiale… pensa quanti, la tua azienda o comunque i tuoi business, ne producono!

Esatto… adesso converrai con noi che anche la firma digitale, proprio come la fatturazione elettronica, è un ottimo strumento di risparmio!

Quindi cosa aspetti a metterti al passo con tutto e iniziare a risparmiare?

Se vuoi dare un’occhiata ai nostri prodotti, ora che ne sai di più su fatturazione elettronica e firma digitale, sei il benvenuto!


Post collegati