RegTech 2.0: le identità digitali sono il futuro?


Abbiamo organizzato un evento a Londra per fare chiarezza sul futuro di tutti


C’è chi considera il RegTech come una parte del FinTech, al tempo stesso c’è anche chi lo intende del tutto differente, poiché non è prettamente circoscritto a temi amministrativi e finanziari ma, anzi, si occupa anche di altri aspetti aziendali.
Il termineè stato coniato nel 2015 dalla Financial Conduct Authority, che lo descriveva come "un sottoinsieme di FinTech che si concentra su tecnologie che possono facilitare l'erogazione di requisiti normativi in modo più efficiente ed efficace rispetto alle capacità esistenti".
Facciamo chiarezza, partendo appunto dal nome: RegTech, che deriva da regulation e technology, è sostanzialmente l’utilizzo di strumenti tecnologici a sostegno delle procedure di adeguamento, conformità, rispetto di norme, regolamenti e leggi.
Il RegTech, infatti, oltre ad aiutare aziende ed organizzazioni ad essere in regola con normative e regolamentazioni, serve a far comprendere loro in che modo le regolamentazioni possono essere utilizzate per migliorare le prestazioni complessive.
Praticamente, la vera innovazione consiste nel trasformare quello che è a tutti gli effetti un obbligo in una potenziale opportunità.
A Londra parliamo di RegTech 2.0 e identità digitale
Dopo il successo dell’evento sul RegTech dello scorso anno, giovedì 22 novembre AliasLab UK ha organizzato un altro evento dedicato all’argomento, trattando in maniera specifica la tematica dell’identità digitale.
Londra ospiterà l’evento, realizzato in collaborazione con HCL Technologies, il cui tema è "Le identità digitali sono il futuro?".
Il fenomeno RegTech continua a crescere per dimensioni e importanza, specialmente nella vibrante scena londinese del FinTech.
Tuttavia, soprattutto in Italia, rimane ancora un universo troppo poco esplorato, ma con prospettive assolutamente positive di crescita. Non è un caso, infatti, che gli investimenti nel settore sono in continua crescita e fanno registrare numeri assolutamente importanti.
Fino a che punto è possibile bilanciare le esigenze di conformità con una user experience snella e di alta qualità?
Questa è una delle domande a cui, all’interno dell’evento, gli ospiti e relatori cercheranno di dare risposta. Tra questi c'è il nostro Aldo Lo Castro.
Prendete nota: Londra, giovedì 22 novembre.In fondo, la capitale britannica val sempre una visita: tra una passeggiata sui suoi bridge e un fish and chips davanti al Big Ben, questo evento è l’occasione ideale per far luce sul futuro imminente… per non rischiare di farsi trovare impreparati!
AliasLab & RegTech
AliasLab ha lavorato sodo per fornire soluzioni che soddisfino entrambi questi requisiti e per collaborare con una serie di nuove aziende RegTech che operano in questo settore, con soluzioni sempre più potenti e personalizzate che offrono velocità e maggiore valore.
È molto probabile, infatti, che se hai utilizzato una carta di credito, hai chiamato una società per il servizio, hai aperto un account, hai presentato un reclamo o eseguito innumerevoli altri compiti bancari quotidiani, che tu abbia interagito con AliasLab.
A riprova del fatto che negli ultimi 30 anni, la nostra tecnologia - IDSign, SecureCall, IDOnBoard e tanti altri prodotti - ha conferito potere alle principali società di servizi finanziari del mondo per ottenere risultati rivoluzionari.








Post collegati